“Il Resegone” di Daniela Padelli

Il Resegone, detto anche Monte Serrada.

“Il Resegone” Acquerello di Daniela Padelli

Il Resegone, detto anche Monte Serrada, è una montagna delle prealpi Lombarde alta 1875 metri. Si trova sul confine tra la provincia di Bergamo e Lecco. La sua cima più alta è la cima Cermenati. Il Resegone è una montagna di recente formazione composta per lo più da dolomia principale. Presenta due versanti, quello di Lecco, aspro e molto scosceso, è caratterizzato da alcuni canali che offrono serie difficoltà alpinistiche e che terminano tra le cime delle creste nord; il secondo versante, della valle Imagna e della valle Taleggio in provincia di Bergamo, è molto più dolce e offre sentieri più semplici. La montagna è solcata da numerose vie ferrate tra le quali le Gamma 1 e Gamma 2, oltre alla Ferrata del Centenario la più antica di Lombardia. Il Resegone è una meta tradizionale per gli alpinisti lombardi e lecchesi. Sulle pendici si costruì il primo rifugio del CAI di Lecco, la stazione alpina Antonio Stoppani. Negli anni 70, a seguito della scissione del gruppo dei Ragni, nacque nei locali del CAI Belledo il gruppo Gamma che aprì le ferrate Gamma 1 e Gamma2. La Gamma è classificata come moderatamente difficile e permette di raggiungere la vetta del Pizzo d’Erna; la Gamma 2 è considerata una delle più difficili delle Orobie e termina in prossimità del rifugio Azzoni. Numerose sono le manifestazioni sportive che hanno come meta il Resegone: la Monza-Resegone, gara podistica a passo libero, notturna e a squadre, organizzata dalla societàalpinisti Monzesi. L’assalto al Resegone, gara organizzata dal S.E.L.,Società Escursionisti Lecchesi. Dal 2010, la Resegup, gara di corsa di circa 24Km con un dislivello di 1800 metri, con partenza dal centro di Lecco, passaggio in vetta e ritorno in centro città. Il nome Resegone prende origine dal suo celebre profiloe dall’italianbizzazione del termine dialettale lombardo Resega, perchè se osservata da Lecco e dalla Brianza,le sue nove punte pèrincipali ricordano proprio la lama di una Sega. Il suo secondo nome,Serrada, può significare il fatto che la sua posizione chiude. serrando appunto, le valli circostanti. Il Resegone è reso celebre da Alessandro Manzoni che lo menziona nell’opera I promessi Sposi eleggendolo così a montagna simbolo di Lecco. ” …..La costiera formata dal deposito di tre grossi torrenti, scende appoggiata a due monti contigui, l’uno detto di San Martino, l’altro, con voce lombarda, il Resegone, dai molti suoi cocuzzoli in fila, che invero lo fanno somigliare a una sega: talchè non è chi, al primo vederlo, purchè sia di fronte, come per esempio in su le mura di Milano che guardano a settentrione, non lo discerna tosto, a un tal contrassegno, in quella lunga e vasta giogaia dagli altri monti di nome più oscuro e di forma più comune……”

Daniela Padelli
Professoressa di Matematica, Presidente Associazione Culturale SpazioD, Vice Presidente Associazione di Promozione Sociale Assaggia l’Italia Aps, Ambasciatrice dei Saperi e Sapori d’Italia, per Italia&friends.

http://www.danielapadelli.it

Spazio d’Arte

Via Ghislanzoni angolo Via Appiani, Lecco.

#tuttoilbelloeilbuonoche #alcentrodellabellezza

Una risposta a "“Il Resegone” di Daniela Padelli"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: