“Binari” di Alan Oisrak

Chissà quale sensazione prova il conduttore di un treno quando, seduto al suo posto di guida fissa quei binari che ha davanti, che scorrendogli sotto velocissimi, sembrano voracemente inghiottiti dal suo stesso treno.
Sicurezza o sgomento, certezza o angoscia, difficile dirlo, forse per ogni conduttore sarà sicuramente diverso, di certo la sensazione provata dipenderà molto dal carattere, ma anche dal momento e di sicuro non sarà mai la stessa.
Il treno e i suoi binari potrebbero davvero essere una buona metafora della nostra stessa vita, perché anche il treno, nasce, compie un percorso e muore.
Noi potremmo essere quel treno e i binari la strada che percorriamo, a chi volesse obiettare poi che il treno non possa scegliere la propria strada, che non abbia alternative e corra solo su binari che altri hanno posizionato, potremmo far notare che questo potrebbe succedere anche a qualcuno di noi, per tutti gli altri altrettanto vero è che i binari del nostro percorso, quelli su cui facciamo scorrere la nostra stessa vita, siamo solo noi a posizionarli, a volte facendolo in modo estemporaneo, altre realizzando un preciso progetto.
Quale sensazione proviamo quando ci rendiamo conto che il nostro percorso è prestabilito da qualcun’altro, quando constatiamo che tutto è predeterminato, tutto è certo e quale sensazione proviamo invece quando niente è sicuro, niente è prestabilito, tutto è precario e da soli, ci troviamo di fronte non più binari, ma le tante possibili strade, le diverse vie, i tanti sentieri o gli innumerevoli mulattiere da scegliere per poi percorrere.
Cosa proviamo noi una volta fatta quella scelta fra i tanti possibili percorsi e quale sensazione effettivamente proviamo, nel seguire quei binari inghiottiti dal nostro procedere che abbiamo preventivamente tracciato, sicurezza o sgomento, certezza o angoscia, ma sopratutto cosa potrebbe o dovrebbe davvero darci la certezza necessaria per capire, una volta giunti all’arrivo del nostro viaggio, se avremo effettivamente scelto bene e percorso correttamente la nostra strada, la nostra personale via, chissà quale emozione proveremo in quel momento, sarà la certezza di aver scelto bene o lo sgomento per aver sbagliato.
Olomouc Ceska Republica 6 ottobre 2011

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: