“La Campania” di Paolo Perreca

Mio Nonno faceva Ciro di nome ed era nativo di Napoli , sposato con una Sig.ra di nome Florida di Lavagna da gerenazioni passate.
Mi ricordo che a nove anni , prendemmo il treno e con lei e raggiungemmo Napoli e l’accoglienza di quel Popolo mi fece sentire come a casa. La Campania, ricca di Storia, anch’essa unita ad Amalfi la prima Repubblica Marinara delle quattro Italiane.
Amalfi, Pisa, Genova e la più longeva Venezia.
Dal Cinema, al Teatro, la Filosofia le Università , alla Storia è stata lo scenario di molte conquiste e sconfitte.
Da il grande Edoardo de Filippo , hai più noti Registi come Ettore Scola, Vittorio de Sica, Dino Risi e il grande Attore Massimo Troisi.

La grande Piazza del Plebiscito che tra gli innumerevoli avvenimenti, ospitò un Cantante noto e a cuore a tutto il popolo Partenopeo e non solo, Pino Daniele.
La Pizza, emblema di un Italia nel mondo, nasce come Cibo da passeggio in origine era Fritta, sporcata con Pomodoro fresco e una toccata d’aglio e Basilico.
Si usava lasciare una Pizza pagata, si lasciava una Pizza a debito per la volta successiva.
Nasce con la visita della Regina Margherita, la Pizza per antonomasia, orrizzontale creazione che divenne poi mito.

Lo stesso vale per il Caffè, tra le tante Torrefazioni il Passalacqua è a mio parere una delle più prestigiose, antistante la Stazione Centrale lo può degustare in un noto Bar. Al bar si lascia un Caffè pagato o due magari , come forma di gentilezza all’eventuale viandante che non possiede i denari per pagarlo.
Gesti di solidarietà, fanno di questa Regione Italiana a volte complessa e non facile, una delle Regioni genuine d’Italia. Dove alle sei del mattino in un bar del Porto, vi è un susseguirsi di Portuali e non che aspettano il Caffè nel bicchierino, per poi andare a faticare.
Una Regione che riesce a dare il meglio di se, nei momenti di difficoltà, come altre Citta Costiere e l’animo del Sud prende corpo.
Dai Quartieri Spagnoli, dove il tifo per il Napoli si vede dai balconi, le Sfoggliatelle che ti riempiono le mani di Zucchero a Velo.
I Babbà e la Pastiera Napoletana, che mio Nonno tramandò a mio Padre e lui a me, come non dovesse m ad i finire la conoscenza di uno dei Dolci Pasquali della grande Cucina Partenopea.
Salerno, città Elegante, forse con meno frastuono di Napoli, a stretto legame con la Costiera Malfitana. Nella zona Medioevale, si vede il cuore pulsante di una Città, con i suoi caruggi rigorosamente in salita, alle spalle il Duomo che fa da cornice e ospita una delle migliori Pizzeria del Salernitano.

Una buona parte delle miei origini e conoscenze che poi ho portato con me nel mio percorso vengono anche da questa Terra.
Gentile , Chiassosa e Spiritosa perchè la Smorfia è Napoletana.

Paolo Perreca Chef di Cucina “Il Cibo che unisce le diversita”

#comunichiamoalmondolitalia #tuttoilbelloeilbuonochece

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: